7 Curiosità sui mattoncini Lego

Dopo la visita al parco Legoland di Monaco di Baviera voglio raccontarvi qualche curiosità sui mattoncini Lego.
Il gioco LEGO è stato identificato come “il giocattolo del secolo” e dopo aver letto questo articolo capirai il perché.

Cronaca Lego dalla Cornovaglia

Come si può comprendere dal titolo, questa più che una curiosità sui mattoncini Lego è un fatto di cronaca vero e proprio. Ad ogni modo la storia merita sicuramente di essere raccontata.

Nel febbraio del 1997 la nave Tokyo Express diretta a New York, si trovava a largo delle coste della Cornovaglia in Gran Bretagna. Improvvisamente si imbatté in una tempesta senza precedenti. “Ne capita una ogni secolo” affermò il capitano della nave.
Poco dopo, un’onda gigante investì la nave che si ritrovò inclinata pericolosamente su un fianco perdendo in mare 62 container. Uno di questi conteneva per l’esattezza 4.756.940 pezzi Lego.

Dopo circa 17 anni, il container si aprì. Complici le correnti e le maree, sulle coste della Cornovaglia approdarono i primi pezzi Lego.
Secondo le stime, dei circa 5 milioni di mattoncini soltanto 3.178.807 erano pezzi sufficientemente leggeri da stare a galla. Di questi, furono quattro polpi neri e alcuni draghetti verdi i pezzi definiti “più rari” e diventati preziosi pezzi per i collezionisti. Di conseguenza molti di loro si riversarono lungo le spiagge della Cornovaglia a caccia di mattoncini. La coincidenza fu che fossero a tema “sottomarino”.

Da allora sulle spiagge della Cornovaglia sono stati segnalati avvistamenti e ritrovamenti.

Vi lascio qualche foto trovata on line: sfortunatamente non le ho fatte io!

Lego Plastica inquinante
Pezzi Lego rari e da collezione

La cosa sorprendente fu che le correnti trasportarono i mattoncini Lego in viaggi lunghissimi in tutto il mondo e oggi si pensa che potrebbero essere arrivati perfino in Australia.
Infatti, gli esperti hanno stimato che i pezzi LEGO potrebbero continuare il loro viaggio ancora per decenni. Vale a dire che prima o poi potrebbero finire su una qualsiasi spiaggia del pianeta. Potrebbero perfino raggiungere le spiagge della Florida attraversando l’Oceano Atlantico e per farlo ci impiegherebbero circa 3 anni.

In seguito a questa notizia, la Signora Williams ha creato la pagina Facebook “Lego Lost at Sea” appositamente per questo “naufragio”. Sulla pagina negli anni sono state pubblicate foto e testimonianze sull’odissea dei Lego spiaggiati.
L’iniziativa della Sig.ra Williams non è nata solo per condividere i ritrovamenti, ma anche per sensibilizzare i cittadini del mondo sulla salvaguardia dei mari dall’inquinamento da plastica.
Alcuni dei mattoncini più ricercati sono stati ritrovati nella grotta di Challaborough, nel Devon meridionale (sud est del Regno Unito).
Lei personalmente ha avuto la fortuna di trovare un polpo nero.

Curiosità Lego

Ecco alcune curiosità sui mattoncini Lego che riguardano le loro caratteristiche.

La parola danese LEGO deriva dall’unione delle due parole “leg godt” ossia “gioca bene”. Quindi è del tutto sfatata la tesi di coloro che sostengono che l’origine della parola Lego derivi dal latino: “io metto insieme”.

Perché la faccia delle minifigure LEGO è gialla?
I progettisti hanno individuato nel giallo un colore neutro a livello razziale. In questo modo non viene assegnata un’etnicità particolare.

Perché alcuni personaggi hanno il colore della pelle differente dal Giallo?
Lego ha incominciato ad assegnare ai personaggi il colore della pelle neutro solo a quelle mini figure incluse nei playset LEGO.

Tra i playset più venduti:

  • Harry Potter;
  • Marvel Super Heroes;
  • Toy Story;
  • Jurassic World;

e pochi altri ancora.

Perché i capelli dei personaggi Lego hanno quasi sempre i capelli scuri?
I capelli dei personaggi sono quasi sempre scuri perché se fossero biondi si confonderebbero con il colore della faccia.

Inoltre, la testa dei personaggi LEGO ha un buco in alto che trasforma il pezzo in tubo. Di conseguenza se un bambino ingerisce il pezzo, questo foro continua a far passare l’aria permettendo al bambino di continuare a respirare.

Diamo un po’ di numeri

Continuiamo con altre curiosità sui mattoncini Lego:

  • Ogni anno vengono prodotti circa 20 miliardi di mattoncini LEGO, più o meno 2-3 milioni ogni ora;
  • Con 6 mattoncini si possono ottenere circa 915 milioni di combinazioni;
  • Su ogni milione di pezzi prodotti soltanto 18 risultano difettosi, praticamente zero scarti!;
  • Ogni secondo nel mondo vengono venduti 7 set LEGO;
  • L’oggetto Lego più grande è il Taj Mahal con i suoi 5.922 pezzi;

Taj Mahal realizzato con mattoncini Lego

  • Il più grande produttore in assoluto di pneumatici al mondo è Lego, superando le reali aziende che producono gomme per veicoli;
  • Un pezzo della Lego Duplo è grande circa otto volte un mattoncino normale e nasce nel 1967;
  • Il set più costoso al mondo è stato creato nell’agosto del 2017 ed è la navicella spaziale Millennium Falcon di Star Wars. Con i suoi 7.541 pezzi è anche il set Lego più grande mai venuto. La navicella misura 21 centimetri di altezza, 84 centimetri di lunghezza 56 centimetri di larghezza e pesa intorno ai 15 chilogrammi. E’stata venduta a € 799 euro;
  • Nel febbraio del 2017 sul sito di aste online “Catawiki”, è stata battuta un’asta per un mattoncino Lego speciale che è subito divenuto anche il mattoncino Lego più costoso del mondo. Non è realizzato in plastica, ma in puro oro 14 carati. Il lingotto Lego è stato venduto al prezzo di circa 19.000 euro. Il reale valore dell’oro era stato stimato a soli 2.000 euro.

Lingotto in oro Lego 18 carati

Sede della Lego in Danimarca
Fabbrica della Lego a Billund - Danimarca

Guinness dei Primati

Nel 1992 Lego è entrata nel Guinness dei Primati per due realizzazioni da record.
Una era un castello composto da 400.000 mattoncini e alto 5 metri e l’altra invece era una ferrovia lunga 545 metri.

Durante l’Expo del 2015 svolto a Milano, sono stati utilizzati quasi 580 mila mattoncini per realizzare una torre alta 35,05 metri, diventando la torre di Lego più alta al Mondo.

Informazioni

Curiosità sui mattoncini Lego e anche un po’ di informazioni sull’azienda. 
Le piante LEGO, cioè alberi, foglie e cespugli, sono realizzazioni ricavate da una plastica prodotta in modo sostenibile dalla canna da zucchero. L’utilizzo di questi materiali rappresenta per la Lego un’ambizione importante. Infatti, entro il 2030 l’azienda leader dei mattoncini colorati conta di utilizzare solo materiali sostenibili per la sua produzione.

Ti potrebbe capitare di notare delle tonalità leggermente diverse in mattoncini dello stesso colore. Ciò avviene perché i mattoncini sono prodotti a lotti, utilizzando materiale plastico granulato unito ad una piccolissima percentuale di vecchi mattoncini riciclati.

Sapevi che …

Se possiedi una Millennium Falcon del 2007 ancora nella scatola, allora sei una persona molto fortunata. Infatti, questa edizione rientra nella lista degli articoli che sono considerati da collezione e il suo valore si aggira intorno ai € 4.700,00.

Vuoi diventare collezionista?
Vuoi avere la possibilità di vendere il tuo set Lego quando acquisterà valore?
Se hai questa ambizione allora devi fare molta attenzione alla conservazione dei giochi.
Infatti, un gioco Lego per essere riconosciuto come oggetto da collezione deve rispettare questi requisiti:

  • Il gioco non deve essere tolto dalla scatola originale;
  • Se comunque vuoi montarlo, devi in ogni caso conservare oltre alla scatola anche il libretto di istruzioni;
  • La scatola deve essere conservata in posizione verticale, per evitare eventuali schiacciamenti o deformazioni.

I mattoncini colorati diventano arte

Conosci l’artista Nathan Sawaya?
Hai mai sentito parlare di lui?

Natham Sawaya è nato a Colville nello Stato di Washington e fin da bambino ha sempre avuto la dote della creatività. Amava scrivere storie, disegnare e ovviamente giocare con i mattoncini Lego.
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza ed è diventato avvocato. Però l’amore e la passione per il gioco insieme all’immaginazione e la creatività sono stati così forti che lo hanno spinto a mollare tutto. D’altronde il primo amore non si scorda mai!

Così, iniziò a costruire statue utilizzando solo mattoncini Lego. Oggi possiede un totale di 4 milioni di mattoncini e le sue realizzazioni sono esposte presso gli atelier di New York e Los Angeles.
Le sue mostre girano per tutto il mondo riscontrando molto interesse.

Alcune delle opere più belle:

  • Il bacio di Klimt;
  • Ottaviano Augusto;
  • Moai;
  • La ragazza con l’orecchino di perla (Vermeer);
  • La Notte Stellata di Van Gogh;
  • L’Urlo di Munch.
7 Curiosità sui mattoncini Lego Opere realizzate con i Lego dell'Artista Nathan Sawaya
7 Curiosità sui mattoncini Lego Opere dell'artista Nathan Sawaya realizzate con i Lego
7 Curiosità sui mattoncini Lego Artista Nathan Sawaya costruisce opere con i Lego
Nathan Sawaya con le sue opere
7 Curiosità sui mattoncini Lego Opere Artista Nathan Sawaya fotografato con le sue opere realizzate con i Lego
Nathan Sawaya con le sue opere

Se ti è piaciuto il nostro articolo sulle curiosità sui mattoncini Lego,
allora potrebbe interessarti anche il nostro articolo
Visita al Parco Legoland di Deutchland

… See Ya …

Mattoncini in Viaggio

Una collaborazione simpatica e curiosa è nata in questo momento …
Siamo state attratte da alcune foto che ritraggono i personaggi Lego con alle loro
spalle il centro storico di Firenze. “Foto Costruttiva” è il nome corretto ed è stato il
primo Bricklab realizzato dal “ilclubdelmattoncino” di Figline e Incisa Valdarno, Firenze

Così abbiamo incontrato i personaggi Lego e intrapreso con loro una simpatica
collaborazione portandoli in viaggio con noi.

Con noi i personaggi Lego hanno sempre la valigia pronta e introducono settimanalmente i nostri
viaggi. Sono già stati a Legoland Deutschland, a Santorini, allo stadio Allianz Arena
di Monaco, al Campo di Concentramento di Dacau, a Cuba e tanti viaggi sono già in
programma… Seguiteci e seguiteli per nonperdervi i fantastici viaggi dei mattoncini
più famosi al mondo!

Ilaria

Un pensiero su “7 Curiosità sui mattoncini Lego

I commenti sono chiusi.

Torna in alto
Share via
Copy link